Functional Developer Italiani – Un Nuovo Gruppo Facebook

Alcuni di voi sapranno che, da qualche tempo, sono uno degli amministratori di Web Developer Italiani, uno (se non il) gruppo più forte in Italia per tutto quello che riguarda (you don’t say) lo sviluppo web, che conta undicimila sviluppatori iscritti.

Qualche giorno fa ho fondato il “fratellino minore”, in un certo senso, del gruppo: Functional Developer Italiani!


>> Functional Developer Italiani <<

Il gruppo è pubblico e aperto! Ti aspettiamo!


Sarà dedicato TOTALMENTE allo sviluppo con linguaggi funzionali.

Il lancio è stato spaziale, abbiamo raggiunto velocemente più di 100 iscritti!

L’obiettivo è semplice:

  • creare un centro di discussione attivo sull’argomento, tirando in ballo un po’ tutti i linguaggi che abbracciano questo paradigma. Niente fondamentalismi, niente estremismi di sorta;
  • “accogliere” anche chi è totalmente a secco sull’argomento, attraverso la diffusione di risorse entry-level più adatte a chi il paradigma non lo mastica per niente;

Ti aspettiamo su Functional Developer Italiani! 🙂

Cosa diamine è l’Actor Model, spiegato in poche righe

Prefazione (salta pure se vuoi, non è essenziale)

L’idea di questo post/traduzione mi è venuta leggendo un articolo di Brian Storti.

Di tanto in tanto cerco di (ri)avvicinarmi ad Elixir, per poterci mettere le mani in maniera sensata e tirare fuori un po’ di codice con cui divertirmi. Chi mi conosce bene tra l’altro sa che ho sempre avuto il pallino per le spiegazioni semplici. Sono convinto che l’apprendimento non debba essere una cosa noiosa, per quanto possibile, e che la capacità di sintesi è una cosa importante. Stasera, troppo stanco per scrivere del codice, mi sono detto: “ok, magari trovo qualche articolo interessante in giro“.

Mi sono messo così a pensare ai vari talk che ho sentito in giro ultimamente, alle discussioni che leggo sui vari forum/slack/chat e così via. Si parla spesso di Actor Model. Un concetto spesso descritto come “semplicissimo” (e lo è) ma raramente spiegato davvero. Non so dire con precisione perché, anche se una mezza idea ce l’ho: tendiamo a dare un sacco di cose per scontate, quando cerchiamo di spiegarne altre.

Ad ogni modo, del mio metodo di lavoro/studio/scrittura parlerò in un altro post. Torniamo all’articolo dell’ottimo Brian.

Ho trovato la domanda a cui rispondere: che cosa diamine è l’actor model? Il post che ho trovato è secondo su Google. La parte divertente arriva adesso però: cercando pagine in Italiano per “actor model”… non trovo nulla! Anzi, ad essere onesti ho trovato:

  • un link ad un libro su Amazon (in inglese);
  • un altro link ad un libro su Amazon (in inglese);
  • un link ad un account instagram (non riguarda l’actor model, ovviamente, ma un tizio che fa l’attore ed il modello);

Insomma…

Cos’è l’Actor Model (ecco, leggi qui)

Partiamo da un principio semplicissimo. Fino a qualche anno fa le nostre CPU raddoppiavano di potenza senza problemi a ritmo quasi regolare. Adesso le cose sono cambiate e il miglioramento non segue lo stesso trend. Succede una cosa diversa: aumentano il numero dei core. Di conseguenza, per trarre il maggior vantaggio dai nostri software dobbiamo riuscire a scrivere del codice che può essere eseguito su più core. Concurrency, la chiamano. Continue reading